Prestito fiduciario: una tendenza in forte ascesa

Chi ha esigenze di liquidità da soddisfare in breve tempo può richiedere l’accesso ad un prestito fiduciario, ovvero un tipo di finanziamento non finalizzato, visto che può venir chiesto per far fronte a problemi di liquidità e quindi per affrontare delle spese imminenti. In genere questa forma di credito viene concessa a soggetti quali: lavoratori dipendenti, liberi professionisti, autonomi e pensionati. Si tratta, infatti, di un tipo di prestito personalizzato per soddisfare le urgenze dei clienti. Nel corso del 2015 abbiamo registrato una forte crescita delle erogazioni di prestiti personali in Italia ed il trend sembra essere destinato a mantenersi uguale. Di solito questo prestito si rivolge a chi ha un’entrata di denaro mensile dimostrabile e sufficiente per rimborsare la somma mediante l’erogazione della periodica rata.

il prestito fiduciarioPer questa tipologia di credito non è obbligatoria la figura di un garante a patto che il debitore abbia un reddito per far fronte a tutti i prestiti attivati, dal momento che può essere chiesto da chi ha già altri finanziamenti in corso. Quindi questi prestiti si rivolgono ai soggetti che possono vantare una buona posizione creditizia, mentre non possono essere ottenuti dai cattivi pagatori e dai soggetti protestati. Con questo tipo di finanziamento si può offrire inoltre un sostegno agli studenti meritevoli, sulla base di specifiche caratteristiche pattuite dai singoli istituti d’istruzione, per quanto riguarda le finalità del credito, il denaro va destinato per affrontare le spese legate allo studio.

Generalmente, per valutare se concedere o meno un prestito fiduciario, vengono considerati dei criteri specifici tra cui il carico fiscale del richiedente ed il suo reddito per determinare così il rimborso delle rate. Il denaro viene recapitato presso il domicilio del cliente come assegno circolare oppure viene accreditato sul conto corrente del debitore tramite bonifico. Va precisato che per questo prestito non sussistono dei limiti nella disponibilità di credito, anche se la somma di denaro concessa risulta inferiore rispetto ad altre forme di credito. Questo finanziamento non prevede delle spese di istruttoria mentre prevede la possibilità di anticipare la somma richiesta anche dopo pochi giorni dall’accettazione della richiesta del prestito. Per quanto riguarda le modalità di rimborso, il numero massimo di rate per questa tipologia di finanziamento può prevedere una cadenza di ben 120 rate: sotto questo numero il cliente può decidere in quanti mesi risarcire la somma di denaro concessa, mentre il tasso d’interesse applicato e la stessa entità della rata non sono oggetto di cambiamenti durante la fase di rimborso.

Leave a Reply